Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Ti trovi qui: Home > Storia

La Storia di Salsomaggiore Terme

Locandina le più belle terme del mondo

Salsomaggiore Terme

Citata, col nome Salso, in un documento della seconda metà del IX secolo, ha legato il suo sviluppo economico e urbanistico allo sfruttamento delle locali sorgenti di acque salsoiodiche.

 

Queste, conosciute e utilizzate per l’estrazione del cloruro di sodio fin da epoca romana, hanno un alto valore terapeutico, scoperto però solo nella prima metà dell’Ottocento dal dottor Lorenzo Berzieri. Il toponimo, Salsomaggiore fino al 1956, deriva dall’aggettivo “salso” (latino SALSUS).

 

Nel Medioevo, appartenne alla potente famiglia dei Pallavicino, i quali, oltre a potenziare le fabbriche di sale già esistenti, ne fecero costruire delle altre. Seguendo le sorti dei territori circostanti, nel corso dei secoli è stata assoggettata a svariati dominatori, tra cui i Visconti, gli Sforza, i Farnese e i Borboni.

 

Del patrimonio storico-architettonico fanno parte: l’ex Grand-Hotel des Thermes, con sontuosi saloni dall’aspetto orientale; lo stabilimento L. Berzieri, della prima metà del Novecento, con la facciata rivestita di marmi e ceramiche; la coeva chiesa di Sant’Antonio; la parrocchiale di S. Vitale, costruita negli anni Venti del Novecento; l’oratorio di S. Bartolomeo; la stazione ferroviaria, con l’interno ornato da lunette affrescate, raffiguranti allegoricamente le fasi più importanti della storia salsese; la parrocchiale di S. Salvatore, a Salsomaggiore-Vasi; il quattrocentesco castello e la chiesa di Santa Maria Assunta, del XVIII secolo, in località Bargone; il castello, del 1100, e la cinquecentesca parrocchiale di Tabiano; l’antica pieve di S. Giovanni, a Contignaco; il castello e la settecentesca chiesa di S. Silvestro, a Scipione; la chiesa di S. Nicomede, del IX secolo, nell’omonima località.

 

La  nascita delle Terme di Salsomaggiore e di Tabiano risale al 1839, anno in cui vengono effettuati, a Salsomaggiore, i primi esperimenti terapeutici con le acque salsobromoiodiche,  acque già conosciute ed utilizzate in epoca antichissima  dai celti e dai romani  per estrarne  un bene ambito : il sale da cucina.

 

La storia delle Terme di Salsomaggiore

 

La storia delle Terme di Tabiano

Glossario

  • Lorenzo Berzieri

    Lorenzo Berzieri nacque a Besozzola di Pellegrino Parmense il 5 dicembre 1806.
    Si laureò in medicina all’Università degli Studi di Parma e nel 1835 venne nominato medico condotto a Salsomaggiore. Nel 1839 il dott. Lorenzo Berzieri utilizzò, per la prima volta, l’”Acqua Madre” a scopo terapeutico. Sperimentò la cura salsobromoiodica sulla giovane paziente Franchina Ceriati, affetta da malattia scrofolosa.

Condividi articolo:

© Terme di Salsomaggiore e di Tabiano Srl
REA PC 183700 - C. F. / P. IVA 01690800337
Capitale sociale € 1.000.000,00